Versi

Pubblicato da Eva Allenbach il

di Cosimo Lamanna, Roma

Dimmi dei tuoi occhi

Qui dietro il nostro vetro
Il mondo va più piano
Ha rallentato il battito
E ha messo il cuore in rada
Lo senti dalla strada
Il giorno che si fa.
Lo senti dal silenzio
Dal ticchettio del tempo
Che sgrana ogni tuo palpito
Dal fremito lontano
Che il volo di un gabbiano
Ha riportato a te.

Ma dimmi dei tuoi occhi
E di dove li hai posati
Se tra gli angoli di casa
Ti riconosci ancora
O se senti la paura
Di ritrovarti qui…

A guardarti finalmente
Da questa prospettiva
E se ciò che ti serviva
Lo avevi già con te.
A parlarti solamente
Di ciò che non si dice
Di quando eri felice
E di come adesso stai…

2020

L’approdo era lì
a un ricamo di vento
a pochi nodi di cuore,
a una sola parola
ritrovata al ritorno
tra mucchi di polline
e foglie fuori stagione
che nessun vortice ancora
ha spazzato da qui.

Adesso che avevi
un molo, un ormeggio
sul quale far porto
e avresti voluto
lanciare le cime
all’amore e poi dirgli:
“abbi cura di me,
del mio cuore di sale,
dissetalo! E sfamalo!
Con tutto il tuo tempo,
il migliore che hai”.

Ecco, invece…
tocca restarsene a bordo
e scucire le ore e le reti
di questi giorni così muti
che avevi già scritto e cantato
ma che ritornano indietro
come una lenta marea
che lascia nuda la sabbia
e scopre il fianco al dolore  
e a nuove malinconie,
che sono spine di rosa
buone per quando
ancora non sai.

Mi starai accanto?

“Mi starai accanto?”
“È un posto scomodo”, dirai
Indovinare gli accenti
Le curve, gli sbalzi
E i rallentamenti
Capire dai battiti
Che tempo farà…

E tutto quello che passa
Tra una risposta e un silenzio
Tra le mie dita agitate
A tormentarsi nei rovi
Dei cespugli radenti
Questa provvisorietà.

“Ti starò accanto?”
Tu me lo chiedi e sono qui
A immaginare un mistero
Un gesto, un domani
Credendo sia vero
Il tempo dei battiti
Che il cuore farà…

E tutto il vento che passa
Tra un desiderio e un frammento
Della tua vita assetata
Braccia larghe alla pioggia
E al profumo leggero
Di altre possibilità.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *