Il mondo alieno

Pubblicato da Alice Valente Visco il

di Notarangelo Tommaso

Questo reportage su mio figlio Andrea, autistico di 6 anni, nasce da lontano, la scintilla è stata ad una festa a casa di amici, mio figlio era seduto sulle scale lo stavo fotografando, lui ha guardato la macchina, la foto che ne è venuta fuori mi ha sconvolto, per la prima volta ho visto quello che sarebbe potuto essere mio figlio se non fosse intrappolato in questa realtà parallela dell’autismo.

A questo punto ho iniziato a cercare mio figlio.

Ho realizzando dei ritratti che catturassero le sue varie espressioni.

Spesso nelle foto che faccio, non cerco la perfezione, in questo mi è di ispirazione le foto e il modo di fotografare di Diane Arbus.

In questa serie di ritratti, eseguiti tutti in quarantena, ho avuto modo di stringere ancora di più il contatto con Andrea e di pormi più domande su di lui e di sforzarmi di capire cosa c’è dietro ogni suo sguardo.

Ad Andrea piacciono i cappelli, lanciare cose in aria per sentire il rumore che fanno a terra, piacciono i dischi, piace ammucchiare cose seguendo un suo ordine, ha un rapporto speciale con la sorella di 9 anni, ad Andrea non piace il no,  non piace la condivisione e non piace la quarantena.

Il mondo di Andrea è quello che si vede in questi ritratti è un mondo alieno? Per chi è fuori si.

Andrea è l’alieno che ha per casco un cestino della carta.

Reportage su mio figlio autistico in quarantena

Notarangelo Tommaso è fotografo autodidatta dall’eta di 14 anni, vive a Roma e collabora con due riviste, si occupa di musica.

Ha alle spalle due mostre, una personale e una collettiva, ha all’attivo molti articoli.

Fotografa oltre che in digitale anche in analogico, utilizza molto le vecchie polaroid, soprattutto nei ritratti che ama.